Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione - senza modificare le impostazioni del browser - accetti di ricevere i cookie. Se non desideri ricevere i cookie, modifica le impostazioni del tuo browser, ma sappi che alcuni servizi non funzioneranno correttamente. Per saperne di più leggi l'informativa sull'utilizzo dei cookies.

Nuova intestazione Strozzi WEB

Gazzetta di Mantova - La Proposta dello Strozzi: un nuovo polo scolastico - 24 Ottobre 2012

gazzetta-di-mantova-logo.png

Il preside del tecnico agrario chiede la fusione con il S. Giovanni Bosco di Gazoldo Pachera: «Sarebbe un polo da 900 studenti». Oggi la Provincia presenta il piano.

«L’offerta scolastica mantovana ha bisogno di un polo tecnico-professionale agrario». Nel giorno della riunione del tavolo di consultazione sul nuovo piano di dimensionamento scolastico convocato dall’assessore provinciale all’istruzione, Francesca Zaltieri, il preside dell’Istituto Strozzi, Giordano Pachera, rilancia ufficialmente una proposta di cui si discute da anni: la fusione tra la sua scuola e la succursale di Gazoldo del professionale agrario San Giovanni Bosco di Viadana.

 

 

La proposta è stata formalizzata con una lettera inviata alla Zaltieri e al’assessore alle politiche agricole Maurizio Castelli. «Visto l'opportuno accorpamento tra l'Ipsia Vinci e l’istituto Bosco di Viadana in un unico istituto tecnico professionale industriale previsto dalla bozza di piano che verrà deliberato dalla giunta provinciale e inviato alla Regione – argomenta Pachera – riteniamo sarebbe altrettanto efficace sotto il profilo organizzativo e da un punto di vista formativo l'accorpamento tra Strozzi e Ipa di Gazoldo degli Ippoliti, per la costituzione di un Polo tecnico professionale agrario provinciale». Il piano di dimensionamento scolastico è lo strumento che ridisegna la mappa degli istituti accorpando, quando viene ritenuto necessario, indirizzi di studio o addirittura scuole. Istituito per la prima volta nel 1998 (quando vennero fatti grossi cambiamenti come l’aggregazione delle allora magistrali D’Este al tecnico per geometri D’Arco) i piani approvati negli ultimi 14 anni hanno progressivamente modificato la mappa delle autonomie scolastiche (anche nelle elementari e nelle medie). Il piano che la Zaltieri presenterà oggi a provveditorato, enti locali, sindacati e associazione delle scuole (Aisam) propone, per quanto riguarda le superiori, la sola aggregazione tra Vinci e Ip Bosco.

La proposta di Pachera, se accolta, porterebbe alla costituzione di una nuova scuola da 900 studenti circa (le sedi rimarrebbero le stesse) formata da Strozzi (che ha la sede centrale a Palidano e succursali in città e San Benedetto) e succursale di Gazoldo del S. Bosco (indirizzo eno-gastronomico). In questo quadro il nuovo istituto Vinci-S.Bosco (Viadana) ne avrebbe altrettanti.

«È un proposta condivisa dalle associazioni di categoria e dagli ordini professionali – dice il preside – e, come ho precisato nella lettera, credo rafforzerebbe le decisioni lungimiranti che la Provincia è chiamata a prendere».

di Nicola Corradini

 

gazzettamantova_25ottobre2012.jpg

Clicca QUI per ingrandire l'Articolo.

Notizie

Nuovo dominio Strozzi

Dal 1 aprile 2019 è stato attivato il nuovo dominio con estensione ".edu.it"

 Tutte gli indirizzi di posta elettronica interni hanno assunto  la nuova estensione di dominio @isstrozzi.edu.it


 

Partnership Strozzi - Agrisoing

Ha preso vita mercoledì 6 marzo il

“Progetto sperimentale di caratterizzazione integrata del suolo”

dell’azienda agraria “Bigattera” in collaborazione con Speziali Antenore srl e Agrisoing.

Il progetto mira a studiare, in particolare su una superficie di 3,08 Ha a seminativo (denominato appezzamento 21), la variabilità biofisica e chimica del suolo mediante la tecnologia EMAS (Elettro Magnetic Agro Scanner). In pratica uno spettrofotometro, trainato da un quad,

QUAD

esegue una mappatura geo-referenziata della resistività elettrica del terreno a tre diverse profondità (50, 100 e 180cm). Le carte del suolo ad altissima risoluzione spaziale così ottenute

Resistività180cm

presentano zone omogenee e variabili per caratteristiche e potenzialità fisico-chimiche e forniscono informazioni sulle effettive esigenze a cui le colture ospitate potranno andare incontro. Esse potranno essere utilizzate per la elaborazione di mappe di prescrizione utili ad indicare la quantità di input da distribuire nelle diverse zone del campo (quantità di seme, concime e prodotti fitosanitari da distribuire in dosi variabili).

Sono stati coinvolti nell’iniziativa gli alunni delle classi 4 DM e 3 DM i quali hanno eseguito, grazie alle informazioni della mappatura EMAS, campionamenti geo-referenziati del terreno fino alla profondità 1 metro (immagine 2). I carotaggi sono stati oggetto di osservazioni e studio sotto la guida del Dott. Roberto Barbetti pedologo di Agrisoing e  saranno sottoposti ad una completa analisi chimico-fisica nei laboratori dell’istituto, sempre  a cura degli alunni.

Nei giorni precedenti l’iniziativa, con il drone munito di telecamera multispettrale in dotazione all’istituto, il prof.Visigalli ha ottenuto una mappa di vigore” ossia una mappa georeferenziata indicativa dello stato di salute della coltura (miscuglio di graminacee e foraggere) presente sull’appezzamento 21.

Mappa vigoria

Tale mappa, insieme con i risultati delle analisi dei campioni di terreno saranno utili per l’integrazione di ulteriori informazioni nella elaborazione delle suddette mappe di prescrizione.